In tendenza

Catania, rapinano due donne, si danno alla fuga ma vengono arrestati dalla Polizia di Stato

Nel corso dell’attività di indagine, inoltre, si appurava che uno dei due malviventi, era in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari e, pertanto, allo stesso veniva contestato anche il reato di evasione

La Polizia di Stato ha arrestato Danilo Alessandro Passalacqua (cl. 1993), pregiudicato e Marcello Pescatore (cl. 1993), pregiudicato, in atto sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, perchè ritenuti responsabili in concorso tra loro del reato di rapina e Pescatore anche del reato di evasione dalla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Nella tarda serata di mercoledì, la locale Sala Operativa diramava nota radio di rapina consumata nel centro cittadino ai danni di due giovani donne. Le pattuglie della Squadra Mobile – Sezione Quarta “Contrasto al Crimine Diffuso”, impegnate nel contrasto ai reati predatori, transitavano nelle vicinanze del luogo segnalato e notavano due soggetti che, appiedati, si davano alla fuga.

Dopo un breve inseguimento, i due malviventi, riconosciuti dagli agenti per due noti pregiudicati per reati contro il patrimonio, riuscivano temporaneamente a far perdere le proprie tracce.

Ritornati sul luogo della rapina e acquisiste ulteriori informazioni dalle vittime, ancora profondamente scosse, gli agenti si rimettevano alla ricerca dei due rapinatori che, poco dopo, venivano intercettati presso le loro rispettive abitazioni, con addosso ancora gli stessi indumenti utilizzati per commettere la rapina ed in possesso della refurtiva sottratta alle vittime.

Nel corso dell’attività di indagine, inoltre, si appurava che uno dei due malviventi, era in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari e, pertanto, allo stesso veniva contestato anche il reato di evasione.

La refurtiva, integralmente recuperata, invece, veniva restituita alle vittime. Espletate le formalità di rito, i due malviventi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo