In tendenza

Catania, vasto incendio di sterpaglie in via Nuovalucello: lambite le abitazioni

Sul posto anche militari dell'Arma dei Carabinieri e Polizia Locale per la gestione della viabilità che, anche a causa dell'intenso fumo prodotto dall'incendio, era diventata a tratti critica

Un vasto incendio di sterpaglie, vegetazione e rifiuti si è sviluppato ieri pomeriggio tra via Nuovalucello e via Matteo Ricci, in zona Canalicchio.

Le fiamme hanno lambito alcune abitazioni ma non è stato necessario sgomberarle.

Impegnate nelle azioni di spegnimento due squadre di Vigili del Fuoco del Comando Provinciale di Catania, due autobotti di rincalzo e volontari AIB di Protezione Civile.

L’intervento delle squadre dei Vigili del Fuoco ha evitato che anche la Centrale ENEL presente nella zona, venisse coinvolta dalle fiamme.

Sul posto anche militari dell’Arma dei Carabinieri e Polizia Locale per la gestione della viabilità che, anche a causa dell’intenso fumo prodotto dall’incendio, era diventata a tratti critica.

“L’enorme incendio che ha colpito ieri la zona tra via Nuovalucello e via Matteo Ricci, in zona Canalicchio, rappresenta un segnale preoccupante di quello che ci dobbiamo aspettare nei prossimi mesi”. Queste le parole del consigliere del II municipio Andrea Cardello che aggiunge “già nelle precedenti settimane avevo lanciato l’allarme legato all’emergenza roghi nel nostro territorio. Una parte di Catania piena di aree abbandonate e di zone rurali. Il totale immobilismo dell’amministrazione comunale, che non ha approntato un piano di lavoro in tempo utile, è sotto gli occhi di tutti. Fortunatamente le fiamme ieri in via Nuovalucello non hanno causato danni a persone o cose ma hanno provocato la paralisi del traffico in tutta la zona. Cosa si aspetta dunque ad intervenire? I vigili del fuoco non possono fare sempre la spola, da una parte all’altra della città, per spegnere roghi”. Tra le aree maggiormente a rischio di “Picanello-Ognina-Barriera-Canalicchio” c’è il viale Lainò, il viale Africa, via Anfuso, via Angelo Vasta e via Ruggero Albanese.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo