In tendenza

Catania, Zammataro (DB): “Bene proroga suolo pubblico ma su rateizzazione tributi serviva confronto”

Il consigliere comunale è intervenuto a seguito della notizia diramata dall’amministrazione relativa alla proroga del suolo pubblico per i locali di due mesi e la rateizzazione dei tributi in 48 mensilità

Il consigliere comunale di Diventerà Bellissima Manfredi Zammataro, presidente della Decima Commissione, è intervenuto a seguito della notizia diramata dall’amministrazione relativa alla proroga del suolo pubblico per i locali di due mesi e la rateizzazione dei tributi in 48 mensilità.

“Siamo felici che La proroga decisa dal Comune è il frutto del lavoro di ascolto compiuto dalla decima commissione da me presieduta e dall’azione di proposta che ho portato avanti con una pregiudiziale a mia firma approdata in aula e votata da tutto il consiglio comunale con la quale abbiamo chiesto formalmente  all’amministrazione di rinviare la discussione sul regolamento dei dehors per consentire al Consiglio Comunale di esitare un testo coerente e chiaro e nel contempo di prorogare fino alla sua approvazione il suolo pubblico per i commercianti”, dice Zammataro.

“In un momento così critico per le imprese una proroga era necessaria e siamo felici che il lavoro svolto, di ascolto e di proposta, abbia portato i suoi frutti. Anche in virtù del fatto che l’amministrazione aveva trasmesso in aula una delibera per regolamentare suolo pubblico e dehors che presentava diverse criticità, oltre ad avere vari articoli scritti in maniera spesso incomprensibile che avrebbero certamente aperta la strada a contenziosi e ricorsi. Con la richiesta di rinvio della trattazione abbiamo evitato quindi che venisse approvato un regolamento che cosi come impostato avrebbe ingenerato solo confusione”.

“Per quanto riguarda la rateizzazione – dice ancora Zammataro – appare quantomeno strano e contestabile il metodo scelto dall’amministrazione che nonostante fosse a conoscenza dell’esistenza di un tavolo di confronto avviato da diversi mesi con le associazioni di categoria promosso dalla decima commissione consiliare da me presieduta proprio sul tema della necessità di dover prevedere una rateizzazione per il pagamento della posizione debitoria tributaria, ha ritenuto invece di procedere per colloqui singoli senza alcuna concertazione e senza coinvolgere le commissioni e il consiglio. Siamo nel pieno di una crisi molto grave alimentata dai rincari dell’energia e ben vengano tutte le misure a favore delle attività ma serviva adottare un metodo differente con un maggiore coinvolgimento del consiglio comunale e delle associazioni di categoria. Pertanto sono contento che dopo numerosi solleciti all’amministrazione che abbiamo effettuato sia come Decima Commissione che personalmente, il sindaco facente funzioni Bonaccorsi si sia resp conto che la posizione inizialmente assunta di chiusura riguardo la possibilità di far rateizzare le posizioni debitorie era una scelta folle che danneggiaVA il tessuto produttivo della nostra città!”.

“Detto questo però non posso non evidenziare come Le 48 rate proposte dall’amministrazione  per il pagamento dell’eventuale debito tributario sono solo un timido segnale poiché, come accaduto in casi analoghi, poteva e doveva essere prevista una rateizzazione più ampia. Sul punto, sarebbe opportuno che l’Amministrazione consentisse la possibilità di poter rateizzare l’eventuale debito tributario in 72 rate così come consentito anche dall’Agenzia delle Entrate e dagli Enti di Riscossione”, conclude Zammataro.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo