In tendenza

Corsa clandestina di cavalli con premio da 50mila euro: 7 denunce a Nicolosi

Sequestrato amministrativamente il cavallo usato per la corsa e affidato in custodia giudiziale all’Istituto di Incremento Ippico per la Sicilia di Catania

I Carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Paternò e della stazione di Nicolosi hanno denunciato 7 catanesi, di età compresa tra i 20 e i 68 anni, perché ritenuti responsabili, in concorso, di maltrattamento di animali, divieto di combattimento tra animali, spettacoli o manifestazioni vietati e interruzione di pubblico servizio.

QUI il video

I militari nel corso della loro costante attività info investigativa avevano appreso che nella mattinata di ieri, nel territorio del comune di Nicolosi, si sarebbe tenuta sulla pubblica via una corsa clandestina di cavalli che, tra l’altro, avrebbe visto la partecipazione di un pubblico che si preannunciava particolarmente numeroso attirato anche dall’elevata posta in palio a disposizione del vincitore quantificata in 50mila euro.

A tal fine, affinate le informazioni acquisite, i militari hanno individuato nella località Monte San Leo il luogo in cui si sarebbe svolta la competizione clandestina e, così, hanno predisposto la dislocazione delle pattuglie per l’identificazione delle persone coinvolte.

Effettivamente, come prima ipotizzato, i militari hanno constatato la presenza di diverse centinaia di persone che si sono radunate a bordo strada per assistere all’evento e pertanto al fine di evitare incidenti, in considerazione della strada resa viscida dall’umidità notturna e per la presenza di una fitta nebbia, hanno proceduto a disperdere il pubblico riuscendo a bloccare uno dei due furgoni utilizzati per il trasporto degli animali in gara.

Nell’immediatezza pertanto i militari hanno identificato alcuni partecipanti, trovati a bordo di due auto di supporto al furgone bloccato, individuando così il proprietario del cavallo e gli addetti alla cura dell’animale dal nome “Divertiti” che, successivamente visitato da un medico veterinario dell’Asp di Catania, è stato giudicato in apparenti ottime condizioni di salute ma con riserva del futuro esito delle analisi cliniche cui è stato sottoposto, anche alla ricerca di eventuali sostanze dopanti.

Il cavallo è stato sequestrato amministrativamente e affidato in custodia giudiziale all’Istituto di Incremento Ippico per la Sicilia di Catania.

Nel prosieguo dell’attività, i militari hanno anche proceduto all’individuazione di una stalla a Catania, precisamente in via Giuseppe Missori, all’interno della quale è stato trovato un cavallo, in apparenti buone condizioni di salute, rinvenendo però all’interno della stalla diversi farmaci di sospetta origine dopante.

L’Asp di Catania ha sottoposto l’equide a blocco ufficiale amministrativo, in attesa dell’esito delle analisi biologiche e farmacologiche.

Nel corso dell’attività sono state elevate sanzioni amministrative per 4.811, per la violazione dell’art. 9 del c.d.s. (competizione sportiva su strada) e anche per la mancanza delle documentazioni amministrative e sanitarie.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo