In tendenza

Lite tra vicini per un passo carrabile finisce a colpi di pistola, denunciato un uomo

I militari, giunti tempestivamente in via Genova, constatavano la presenza dei sanitari del 118, intervenuti con due ambulanze e già allertate dagli astanti e dalle parti coinvolte nel litigio appena consumato, che stavano prestando le cure mediche ai diversi componenti dei due nuclei familiari coinvolti a vario titolo nella colluttazione.

I Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Paternò hanno denunciato un 67enne del posto, poiché gravemente indiziato di porto abusivo di armi, minaccia e lesioni personali.

Nel corso della mattinata, a seguito di chiamata al 112 Numero Unico Emergenza, è pervenuta la segnalazione da parte di un residente che chiedeva l’intervento per una lite in atto tra persone in strada.

I militari, giunti tempestivamente in via Genova, constatavano la presenza dei sanitari del 118, intervenuti con due ambulanze e già allertate dagli astanti e dalle parti coinvolte nel litigio appena consumato, che stavano prestando le cure mediche ai diversi componenti dei due nuclei familiari coinvolti a vario titolo nella colluttazione.

Le attività di accertamento svolte dai militari hanno consentito di risalire alle motivazioni dell’aggressione che sarebbero da ricondurre alla gestione di un passo carrabile, regolarmente autorizzato, di pertinenza del denunciato e utilizzato invece come area di parcheggio, nonché ad altre vicende di diversa natura che nel tempo avrebbero irrimediabilmente deteriorato i rapporti di vicinato.

Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, all’esito dell’ennesimo confronto tra i due capofamiglia, la discussione sarebbe degenerata in una lite nel corso della quale il titolare del passo carrabile, messo in inferiorità numerica per il sopraggiungere del figlio della controparte, avrebbe deciso di armarsi con una pistola ad aria compressa e, dopo aver minacciato i due antagonisti, esplodeva diversi colpi all’indirizzo del figlio attingendolo al costato e causandogli ferite poi giudicate guaribili in 15 giorni

Il padre del giovane, avvedutosi che la pistola utilizzata non era un’arma da fuoco, rivolgeva le sue rimostranze per il gesto compiuto avvicinandosi avanti al garage del rivale che però, nella circostanza, mostrava una seconda pistola con atteggiamento minaccioso, intimando al contendente di allontanarsi.

Sedati gli animi i Carabinieri hanno sequestrato le due pistole semiautomatiche, di libera vendita prive del tappo rosso, trovate in possesso del 67enne.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo