In tendenza

Motta Sant’Anastasia, agli arresti domiciliari ma continua a spacciare: arrestato

Nel corso della serata i carabinieri hanno proceduto al controllo di diverse persone sottoposte a misure restrittive nelle proprie abitazioni

I Carabinieri della stazione di Motta Sant’Anastasia hanno arrestato in flagranza di reato un 44enne del posto in quanto gravemente indiziato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso della serata i carabinieri hanno proceduto al controllo di diverse persone sottoposte a misure restrittive nelle proprie abitazioni, e, tra gli altri, si sono presentati davanti allo stabile di una traversa di via Vittorio Emanuele dove abita il 44enne.

I militari, prima di avere accesso al portone di ingresso del palazzo, hanno incrociato un giovane a piedi che alla loro vista si è immediatamente irrigidito tradendo un malcelato nervosismo e alla richiesta dei carabinieri di consegnare eventuale sostanza stupefacente in suo possesso, ha “spontaneamente” estratto da una tasca dei pantaloncini, un involucro con all’interno cocaina già suddivisa in un paio di dosi.

I militari hanno quindi proceduto al controllo nell’abitazione del 44enne il quale, nonostante avesse ben compreso che aveva i carabinieri dietro la porta, ha volutamente temporeggiato qualche minuto prima di ricevere i visitatori “sgraditi”.

L’insolito ritardo nell’aprire la porta dell’uomo, agli arresti domiciliari per reati in materia di droga, non è passato inosservato ai carabinieri che hanno deciso di eseguire una perquisizione dell’abitazione che ha fornito riscontri utili ai militari.

In particolare, all’esito del controllo effettuato nei vari ambienti dell’appartamento, in cucina è stato rinvenuto un barattolo contenente una bustina con alcune dosi di marijuana mentre in bagno sono stati trovati, ancora galleggianti nel wc, frammenti di sostanza biancastra, mentre, sul bordo di ceramica venivano recuperati diversi frammenti di cocaina.

I carabinieri hanno risottoposto l’uomo agli arresti domiciliari, dove continua a permanere anche all’esito dell’udienza di convalida.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo