In tendenza

Nessuno scandalo Kalat Ambiente: tutti assolti perché “il fatto non sussiste”

Si parlava di presunti dati gonfiati nella raccolta differenziata

Tutti assolti con la formula “perché il fatto non sussiste” i 14 imputati del processo sullo scandalo sui presunti dati gonfiati nella raccolta differenziata gestita da Kalat Ambiente. È la sentenza del tribunale penale di Caltagirone riunito in composizione collegiale.

Il 10 maggio del 2013 era stato posto agli arresti domiciliari Vito Digeronimo, presidente del Cda di Kalat Ambiente e all’epoca commissario dell’azienda ospedaliera universitaria Policlinico di Catania, adesso assolto da tutti i capi di imputazione. L’ordinanza di custodia del gip era stata revocata dal Tribunale del riesame di Catania. Tra i reati, contestati a vario titolo, traffico di rifiuti, frode in pubbliche forniture, truffa allo Stato e abuso d’ufficio. Oltre a Digeronimo sono stati assolti Salvatore Ilardi, Nicolò Vitale, Enzo Demetrio Ruggieri, Vincenzo Ciffo, Filippo Gentile, Salvatore Straquadanio, Alfio Agrifoglio, Adriano Di Francisca, Angelo Agnello, Salvatore Mangiaratti, Giovanni Cassino, Giuseppe Bufalino e Salvatore Albachiara. Assolte, con la stessa formula, anche le società coinvolte: la Aimeri ambiente e l’Agesp.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo