In tendenza

Paternò, sequestrata piantagione di “Skunk”: presi i due produttori

La droga e l’impianto d’irrigazione sono stati sequestrati, mentre gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati relegati agli arresti domiciliari

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò, della Stazione di Biancavilla e dello Squadrone Eliportato Cacciatori  Sicilia, hanno arrestato nella flagranza un 37enne di San Giovanni La Punta e un 46enne di Paternò, poiché ritenuti responsabili di produzione illecita di sostanze stupefacenti.

Le battute dei Cacciatori nelle zone agresti dell’intera provincia etnea hanno consentito di scoprire l’ennesima piantagione di canapa indiana.

A finire sotto la lente d’ingrandimento dei militari dell’Arma un fondo agricolo ubicato in contrada Raisa-Buffa, all’interno del quale i due provetti produttori avevano avviato una coltivazione di cannabis con tanto di impianto di irrigazione. E proprio quest’ultima esigenza primaria, ha consentito agli operanti  di coglierli sul fatto mentre “rinfrescavano” le 77 piante di cannabis tipo “Skunk”.

La droga e l’impianto d’irrigazione sono stati sequestrati, mentre gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati relegati agli arresti domiciliari.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo