In tendenza

Piazza un Gps nell’auto dell’ex per seguirne ogni spostamento: arrestato a Trecastagni

La donna, ormai esausta, all’ennesimo appostamento sotto casa, ha trovato il coraggio di rivolgersi ai Carabinieri

I Carabinieri della stazione di Trecastagni hanno arrestato nella flagranza un 38enne di San Giovanni La Punta, ritenuto responsabile di atti persecutori, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, porto di oggetti atti a offendere e interferenze illecite nella vita privata, reati commessi nei confronti della ex convivente di 25 anni.

Quella convivenza si era ormai trasformata per la donna in un rapporto malato in cui l’uomo aveva assunto posizioni di supremazia che l’avevano relegata a vittima sacrificale di un amore mutato in gelosia maniacale.

Vessata quotidianamente (in alcune occasioni colpita con calci e pugni)  e costretta a mutare le proprie abitudini di vita, pur non trovando il coraggio di denunciarlo, ha trovato almeno quello per allontanarlo definitivamente dall’abitazione familiare. Decisione mai accettata dall’ex compagno che, accecato dalla rabbia, ha iniziato a pedinarla, applicando illegalmente un apparato Gps sotto l’autovettura della donna allo scopo di seguirne ogni spostamento, offenderla in pubblico con epiteti ledenti la dignità femminile, minacciarla di morte “se so che hai un altro ti prendo a colpi di pistola”, nonché ad appostarsi nei pressi della sede di lavoro della poveretta o sotto la sua abitazione.

La donna, ormai esausta, all’ennesimo appostamento sotto casa, ha trovato il coraggio di rivolgersi ai Carabinieri che, intervenuti sul posto hanno immediatamente bloccato e identificato il persecutore; trovato in possesso, a seguito di perquisizione veicolare, del Gps incriminato, che le immagini di una telecamera avevano immortalato mentre veniva smontato da dentro il paraurti dell’auto in uso alla vittima, nonché di diversi attrezzi da punta e taglio che, opportunamente, sono stati posti sotto sequestro.

L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato relegato agli arresti domiciliari.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo