In tendenza

Picchia il figlio di 4 anni e poi la compagna accorsa in difesa del bimbo: in manette 44enne a Mineo

L'uomo si "giustificato" dicendo di aver agito a quel modo per l’incapacità della madre di educare il figlio e che, di conseguenza, ci avrebbe pensato lui, se necessario anche con le botte

I Carabinieri della stazione di Mineo hanno arrestato nella flagranza un 44enne del posto, poiché ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate.

Sono stati i vicini di casa a chiedere aiuto ai Carabinieri riferendo, al telefono, che dall’appartamento di via Santa Croce si sentivano le urla di una donna.

I militari, intervenuti immediatamente sul posto, hanno trovato una donna (la madre dell’arrestato)  seduta sui gradini del pianerottolo prospicente l’abitazione con un bambino tra le braccia.

Subito dopo è arrivata un’altra donna, madre del bambino la quale, seppur visibilmente terrorizzata, ha spiegato ai Carabinieri che poco prima il convivente aveva picchiato il loro bambino di appena 4 anni per poi scagliarsi contro di lei, colpendola colpita con schiaffi e pugni alla testa e alla schiena, infrangendo perfino un vetro della finestra con un pugno, solo perché aveva tentato di sottrarre il piccolo alla violenza del padre.

L’uomo, trovato dai militari in camera da letto, si è semplicemente giustificato dicendo di avere agito in quel modo per l’incapacità della madre di educare il figlio e che di conseguenza doveva esser lui a educarlo, se necessario, anche con le botte. La donna è stata medicata nel Pte di Mineo, mentre l’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato relegato agli arresti domiciliari nell’abitazione di alcuni familiari.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo