In tendenza

Rapine in banca e in un negozio di Catania, 5 arresti della Squadra Mobile

Il Gip del Tribunale di Catania ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 5 persone

Su richiesta della Procura distrettuale, il Gip del Tribunale di Catania ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di:

  1. Davide Di Paola (cl. 1978)
  2. Francesco Scalia (cl. 1980)
  3. Orazio D’Agata (cl. 1967)

accusati di aver commesso, in concorso tra loro, una rapina aggravata ai danni della filiale della “Banca Sella” lo scorso 15 aprile 2021. Il provvedimento è stato eseguito nella mattinata del 13 gennaio dalla Polizia di Stato.

Sotto la direzione della Procura etnea, le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile – Squadra Antirapine, finalizzate all’identificazione dei responsabili del reato che, armati e travisati, si sono introdotti nella banca, attraverso una delle porte di emergenza, preventivamente manomessa e nel momento in cui erano in corso le operazioni di ricarico del bancomat. Gli autori sono riusciti a impossessarsi di 130.000 euro.

La preliminare azione investigativa è stata incentrata sull’acquisizione e analisi delle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza della banca nonché di quelli presenti lungo le vie di fuga utilizzate dai rapinatori con motocicli provento di furto, consentendo così di indirizzate le indagini nei confronti degli indagati.

I successivi riscontri hanno permesso di confermare il quadro indiziario raccolto, dimostrando l’esistenza di contatti stabili fra gli indagati e di individuare il luogo in cui si riunivano per pianificare le loro attività illecite.

Nella stessa giornata, la Polizia di Stato ha dato esecuzione ad altre due misure cautelari in carcere, richieste dalla Procura di Catania ed emesse dal Gip del Tribunale etneo nei confronti di:

  1. Sebastiano Giuffrida (cl. 1993)
  2. Mario Aurora (cl. 1999)

Sebastiano Giuffrida è gravemente indiziato della tentata rapina ai danni della Filiale “Carige” del 14 ottobre 2021, in occasione della quale l’indagato, dopo essersi introdotto nei locali dell’istituto di credito, ha cercato di sottrarre danaro senza riuscirci in quanto, nonostante l’aggressione, un cassiere è riuscito ad azionare i sistemi di allarme, facendolo desistere dall’intento delittuoso.

All’uomo è stato contestato anche il reato di evasione in quanto all’epoca dei fatti era sottoposto al regime della detenzione domiciliare.

Mario Aurora, invece, è ritenuto responsabile della rapina ai danni di un esercizio commerciale cittadino commessa il 20 novembre 2021 nel corso della quale l’indagato, dopo aver minacciato una dipendente lasciando intendere di essere armato, si è appropriato di uno smartphone.

Tutti gli indagati, fatta eccezione per Sebastiano Giuffrida, già detenuto per altra causa, sono stati rintracciati dalla Squadra Mobile e trasferiti in carcere.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo