In tendenza

Turismo sull’Etna: 5 milioni per riqualificare le strutture ricettive ad alta quota appartenenti al patrimonio pubblico

Si autorizza la Regione Sicilia all’utilizzo di questi fondi al fine di rivitalizzare il turismo sull’Etna, realizzando circa 200 posti letto ad alta quota

“Cinque milioni per riqualificare le strutture ricettive ad alta quota sull’Etna e appartenenti al patrimonio pubblico”. Lo prevede l’emendamento del PD, primo firmatario il segretario regionale Anthony Barbagallo, approvato oggi in V commissione all’ARS.

In particolare le risorse serviranno per la ristrutturazione del Grande albergo dell’Etna, di proprietà della Regione e sito nel comune di Ragalna, nonché – afferma Barbagallo – per la riqualificazione del villaggio Mareneve e per la ricostruzione degli edifici di Piano Provenzana distrutti dalla lava nel 2002”.

Con l’emendamento si autorizza la regione – spiega Barbagallo – all’utilizzo di questi fondi al fine di rivitalizzare il turismo sull’Etna, realizzando circa 200 posti letto ad alta quota in grado di soddisfare da un lato, la richiesta di turisti e appassionati che oggi non hanno la possibilità di pernottare nelle zone sommitali del vulcano e dall’altro contribuire alla crescita e allo sviluppo di questa porzione di territorio. Si tratta di una richiesta proveniente dai cittadini, dai circoli del PD dell’Etna ed è da sempre – conclude – una battaglia storica del Partito Democratico”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo