In tendenza

Volley, un giovane vichingo in arrivo ai piedi dell’Etna, il quarto acquisto della Saturnia è Rok Jeroncic

Lo chiamano il vichingo, per i suoi 207 cm di altezza e per i lunghi capelli. Ama la musica rock e, quando ha deciso di giocare davvero a pallavolo ha dimostrato a tutti che buon sangue non mente

Lo chiamano il vichingo, per i suoi 207 cm di altezza e per i lunghi capelli. Ama la musica rock e, quando ha deciso di giocare davvero a pallavolo ha dimostrato a tutti che buon sangue non mente.

Rok Jeroncic, il giovanissimo centrale della Civitanova Lube, per la Saturnia è un altro colpo da all-in del Ds Piero D’Angelo che continua a non sbagliarne una: “Lui, con la sua altezza, tocca la Luna, è molto forte a muro ed è in continuo miglioramento in attacco”.

Classe 2001 Rok, sloveno di nascita con passaporto italiano, è figlio di Gregor Jeroncic il centrale sloveno che ha scritto capitoli interi della pallavolo del suo paese e di quella italiana, è una giovane promessa del volley che nel suo palmares vanta due bronzi, uno nella Lega Slovena e uno al torneo Middle European League.

“Non vedo l’ora di cominciare”, dice il giovane Jeroncic che non è mai stato in Sicilia e che attende di giungere a Catania nella seconda metà di agosto. “So che potrò dare un buon apporto a tutta la squadra, cerco sempre di rendermi utile sia in campo che fuori dalla palestra e provo a tenere alto il morale dei miei compagni”.

Rok è dunque pronto a scommettere su se stesso, con la promessa di poter fare parte di una squadra, quella di Waldo Kantor, dove l’obiettivo è fare bene. Al pubblico catanese dice: “Ho sentito in video il tifo fatto per i match contro Grottazzolina e sono pronto a sentirlo di nuovo, stavolta però dal vivo, ci vedremo prima possibile”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo