In tendenza

Aci Catena, Ania e associazione Casa mia depositano l’Accordo Territoriale Affitti

Grazie a questo strumento da ieri i proprietari potranno optare, nel sottoscrivere un contratto di locazione, per la cedolare secca (Decreto Legge n.23 del 2011) agevolata.

Ieri il sindacato inquilini Ania rappresentato dal segretario regionale Andrea Monteleone con l’associazione Proprietari casa mia rappresentata dalla presidente Cetty Moscatt, in presenza del vice sindaco Giovanni Pulvirenti, l’assessore Flavia Fortino e il Consigliere comunale Giovanni Grasso, hanno depositato l’accordo territoriale affitti della città di Aci Catena.

Nel rispetto della Convenzione Nazionale Affitti (Decreto Legge del 16/01/2017) e della legge n.431 del 1998, la città di Aci Catena e le sigle sindacali di categoria Ania e Casa mia hanno portato a termine una lunga e laboriosa trattativa per poter dotare i cittadini catenoti di uno strumento normativo che permetterà loro di accedere alle agevolazioni fiscali previste dallo Stato per i contratti di locazione abitativa.

Grazie a questo strumento da ieri i proprietari potranno optare, nel sottoscrivere un contratto di locazione, per la cedolare secca (Decreto Legge n.23 del 2011) agevolata.

Chi deciderà di avvalersi di questo nuovo strumento normativo avrà una cedolare non più al 21% da calcolarsi sul canone annuo di locazione, ma soltanto al 10% con un notevolissimo risparmio fiscale.

Inoltre il proprietario che deciderà di avvalersi del nuovo Accordo Territoriale di Aci Catena potrà ottenere anche uno sconto pari al 25% sull’Imu e sulla Tasi gravanti sulla casa locata (Art. 5 comma 11 della convenzione Nazionale Affitti).

Anche l’inquilino potrà usufruire delle agevolazioni fiscali, per tutta la durata del rapporto di locazione, se sottoscrive un contratto di locazione concordato 3+2 nel rispetto dell’Accordo Territoriale appena depositato, nei seguenti importi:

  1. detrazione fiscale annua di euro 495,80, se  il  reddito  complessivo  non  supera  euro 493,71;
  2. detrazione fiscale annua di euro 247,90 se il reddito complessivo supera euro 15.493,71 ma non euro 30.987,41.

Inoltre chi, tra gli inquilini, lavoratori dipendenti, trasferisce la propria residenza nel comune di lavoro distante almeno 100 Km dalla precedente residenza e per tutti i giovani di eta’ compresa fra i 20  e  i  30  anni,  che  stipulano  un  contratto  di locazione  ai  sensi  della  legge  n.  431  del  1998 spetta una detrazione fiscale annua, per i primi tre anni complessivamente pari a:

  1. 991,60 euro, se  il  reddito  complessivo  non  supera  euro 15.493,71;
  2. 495,80 euro, se il reddito complessivo supera euro 493,71 ma non euro 30.987,41.

Le organizzazioni sindacali degli inquilini Ania e dei proprietari Casa mia ringraziano il sindaco, i rappresentanti della giunta comunale, il Consiglio comunale e i funzionari del Comune per fattiva e proficua collaborazione che ha permesso la nascita di questo importante strumento di agevolazione fiscale e sono a disposizione dei cittadini e dei professionisti del mercato immobiliare e della consulenza fiscale per ogni chiarimento sulle modalità di attuazione dell’Accordo Territoriale depositato.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo