In tendenza

Catania, due indagati per l’omicidio di Giuseppe Dainotti ad Adrano

Gli indagati sono il custode dell'autolavaggio, un uomo di 40 anni che aveva segnalato la sparatoria e nel cui furgone la polizia ha poi trovato due pistole detenute non legalmente, che tuttavia non sarebbero l'arma del delitto, e un 24enne che si sarebbe trovato con la vittima

Due persone sono indagate dalla Procura di Catania, come atto dovuto, per l’omicidio di Giuseppe Dainotti, 25 anni. Il corpo senza vita del giovane catanese, residente nel quartiere periferico di Librino, era stato trovato lo scorso 17 aprile lungo la strada statale 284, poco distante da un deposito di mezzi pesanti con autolavaggio, in territorio di Adrano.

Gli indagati sono il custode dell’autolavaggio, un uomo di 40 anni che aveva segnalato la sparatoria e nel cui furgone la polizia ha poi trovato due pistole detenute non legalmente, che tuttavia non sarebbero l’arma del delitto, e un 24enne che si sarebbe trovato con la vittima. Sull’omicidio indagano la squadra mobile di Catania e gli agenti del commissariato di Adrano. La Procura ha indagato entrambi come atto dovuto per consentire l’autopsia.

(Italpress)


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo