In tendenza

Catania, la DIA confisca beni per oltre 500mila euro a un elemento di spicco della criminalità di Bronte

Già sottoposti a sequestro nel dicembre 2016 in esecuzione di un decreto emesso dal Tribunale etneo, su proposta avanzata dal Direttore della D.I.A., in sinergia con la Procura Distrettuale Antimafia di Catania, diretta dal Procuratore Carmelo Zuccaro

Dalle prime ore della mattinata odierna, la DIA di Catania sta dando esecuzione a un decreto di confisca irrevocabile di beni, emesso dal Tribunale di Catania – Sezione Misure di Prevenzione – nei confronti di Antonio Salvà Gagliolo , classe 1980, ritenuto elemento di spicco della criminalità Brontese.

L’Autorità giudiziaria procedente ha disposto la confisca definitiva dei beni, stimati in oltre 500mila euro, già sottoposti a sequestro nel dicembre 2016 in esecuzione di un decreto emesso dal Tribunale etneo, su proposta avanzata dal Direttore della D.I.A., in sinergia con la Procura Distrettuale Antimafia di Catania, diretta dal Procuratore Carmelo Zuccaro.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo