In tendenza

Comune di Catania, Federico Portoghese nominato commissario straordinario

Con il medesimo decreto presidenziale, viene nominato vice-commissario straordinario del capoluogo etneo Bernardo Campo, funzionario della Regione Siciliana

Il presidente della Regione ha nominato Federico Portoghese commissario straordinario per la gestione del Comune di Catania, in sostituzione degli organi decaduti. Portoghese, dirigente pubblico in quiescenza, continuerà a ricoprire anche l’incarico di commissario straordinario alla guida della Città metropolitana etnea, che gli era stato conferito dallo stesso governatore lo scorso mese di febbraio.

Con il medesimo decreto presidenziale, viene nominato vice-commissario straordinario del capoluogo etneo Bernardo Campo, funzionario della Regione Siciliana.

Al nuovo commissario straordinario del Comune di Catania, Federico Portoghese, ed al suo vice Bernardo Campo, vogliamo esternare le nostre congratulazioni e l’augurio di buon lavoro per il compito che dovranno svolgere fino alla prossima tornata elettorale. Abbiamo apprezzato il dottor Portoghese alla guida sino ad oggi della Città metropolitana, sempre nelle vesti commissariali, ma anche nel suo impegno all’Università degli Studi come direttore generale, così come stimiamo il dottor Campo la cui lunga carriera da dirigente della Regione siciliana è garanzia assoluta per il ruolo che andrà a ricoprire. Siamo già pronti ad incontrarli offrendo la massima collaborazione, considerato che per la città i prossimi mesi saranno particolarmente impegnativi e bisognerà fronteggiare le emergenze in atto e quelle che si prospettano in arrivo.” Lo dice a nome di tutta la Ugl il segretario territoriale Giovanni Musumeci, rivolgendo anche un ringraziamento alla Giunta uscente per il lavoro svolto.

La Cgil di Catania auspica “un coinvolgimento dei sindacati e delle forze sociali in tempi celeri” al neo commissario straordinario per la gestione del Comune di Catania, Federico Portoghese, che continuerà a ricoprire anche l’incarico di commissario straordinario alla guida della Città metropolitana etnea.

“In una città in difficoltà come Catania e in un tempo presente così complicato, anche il ruolo di commissario che nel concreto sostituisce gli organi decaduti non può essere considerato soltanto ‘tecnico’. Per esempio, chiediamo che vengano affrontate alcune questioni delicate rimaste in sospeso, come i due regolamenti firmati in assessorato alla Famiglia e ancora non discussi in giunta. – si legge nella nota della Cgil- In sostanza, a Portoghese chiediamo che non abbandoni gli anziani e i lavoratori del settore sociale e che riprenda subito le fila del regolamento. In questo modo non verrà azzerato il lavoro meticolosamente affrontato dai sindacati che hanno puntato sulla trasparenza dell’assistenza, e neanche dimenticati i lavoratori che in quel mondo operano e che chiedono rispetto dei contratti”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo