In tendenza

Realizzata la pensilina all’ufficio postale di Bronte

Da anni gli utenti la chiedevano, soprattutto da quando il covid ha contingentato gli ingressi all’interno, spostando le lunghe code fuori la porta di ingresso dell’Ufficio

“Finalmente ecco la pensilina! Ma quanto è stata dura ottenerla”. Sono le considerazioni che sentiamo esclamare ai tanti utenti che ieri si recavano all’Ufficio postale di Bronte, finalmente dotato della tanto agognata pensilina davanti l’ingresso per riparare gli utenti in fila dal sole d’estate e dalla pioggia in inverno.

Da anni, infatti, gli utenti di Bronte la chiedevano, soprattutto da quando il covid ha contingentato gli ingressi all’interno, spostando le lunghe code fuori la porta di ingresso dell’Ufficio.

Per questo il sindaco, Pino Firrarello, ha scritto ed incontrato i vertici di Poste Spa, mentre il presidente del Consiglio comunale, Aldo Catania, ed il consigliere Vincenzo Sanfilippo hanno presentato un ordine del giorno in Consiglio comunale.

Un fuoco di azioni a più fronti che alla fine ha portato i suoi frutti.

E ieri mattina il presidente Catania ed il consigliere Sanfilippo, insieme al consigliere Ernesto Di Francesco ed al consigliere del Comune di Maletto, Vincenzo Parrinello, sono andati a vedere la nuova piccola infrastruttura.

Per noi è una grande soddisfazione – ha affermato il presidente Catania –. Dopo circa un anno e mezzo da quando abbiamo presentato la richiesta siamo riusciti ad ottenere questa pensilina che certo rende più gradevole l’attesa agli utenti. Qualcuno non ci credeva, ma l’impegno da parte nostra e da parte dell’Amministrazione è stato appagato. Oggi mi accorgo anche della soddisfazione della gente che ha visto premiata la nostra determinazione nell’interloquire con i vertici di Poste Spa e seguire costantemente l’iter di approvazione del progetto e di realizzazione dell’opera”.

“Era il dicembre del 2020 quando in Consiglio comunale abbiamo rivendicato l’importanza di questa pensilina – ha aggiunto il consigliere Sanfilippo –. Poi a febbraio, insieme con l’Amministrazione comunale, abbiamo incontrato i vertici provinciali di Poste Spa. Non potevamo accettare che in tanti, e soprattutto anziani, rimanessero sotto il sole e la pioggia, come non possiamo accettare che qui non ci siano servizi igienici. Con l’impegno e la determinazione siamo riusciti ad ottenere la pensilina a servizio degli utenti. Ringrazio l’intero Consiglio comunale e l’Amministrazione per esserci stata accanto”.

“Sembra facile, ma non lo è – aggiunge il consigliere Di Francesco –. Questa piccola infrastruttura si chiedeva da anni. Adesso è a beneficio dei brontesi e di tutti gli utenti. È stata premiata la tenacia. Questo Ufficio sito in pieno centro storico ne aveva bisogno, come ha bisogno di altri servizi. Di conseguenza il nostro impegno continua”.

Il sindaco Pino Firrarello ha voluto ringraziare i consiglieri per l’impegno, ma continua a chiedere a Poste Spa servizi migliori: “Era – infatti ha affermato – un problema spinoso che il presidente Catania ed il consigliere Sanfilippo hanno opportunamente posto. Io stesso, durante una giornata di pioggia, ho effettuato un sopralluogo, constatando come la gente fosse in fila sotto l’ombrello, ma comunque bagnata. Diciamo grazie per la pensilina, ma bisogna migliorare radicalmente i servizi. A Poste abbiamo formulato delle proposte fino ad oggi negate. Se questa pensilina non fosse stata realizzata da sindaco mi sarei rivolto al giudice. Fino a quando Poste penserà solo agli utili non saranno mai veramente al servizio degli utenti. Il Governo ed il Parlamento – ha concluso – affrontino il problema”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo